Lodi spaventa la capolista, Di Piazza rimette le cose a posto. La super sfida del "Via del Mare" finisce 1-1

Scritto da  Luigi D'Ambrosio Domenica, 21 Gennaio 2018 15:33

Il Lecce va sotto per via del gol di Lodi dal dischetto, nella ripresa il solito Di Piazza firma il definitivo 1-1. Distanze invariate in vetta alla classifica, i salentini comandano a quota 46 e i siciliani inseguono con 42 punti

Matteo Di Piazza, suo il gol dell'1-1 contro gli etnei Matteo Di Piazza, suo il gol dell'1-1 contro gli etnei Foto Pinto

Torna il campionato e la 22esima giornata del Girone C di Serie C propone subito il big tra Lecce e Catania. Al “Via del Mare”, letteralmente gremito e degno di ben altre categorie, a sfidarsi sono la prima della classe contro la seconda, a separare le due formazioni in classifica sono 4 punti. Fabio Liverani si schiera col consueto 4-3-1-2 con Costa Ferreira che agisce alle spalle del tandem Caturano-Torromino, quest'ultimo vince il personale ballottaggio con Di Piazza. L'illustre ex Cristiano Lucarelli risponde con il 4-3-3, in avanti il tridente è composto da Caccavallo, Curiale e Di Grazia. I ritmi sono alti sin dal primo momento e al secondo minuto Lepore scodella al centro, ma la difesa ospite sventa il pericolo con qualche affanno. Al 7' Riccardi prova da fuori, sfera a lato. Il Catania risponde al 12' con un sinistro deviato di Caccavallo che termina sopra la traversa. Al 19' contropiede fulmineo degli etnei, il Lecce è scoperto, Di Grazia va al tiro, Perucchini non trattiene, sulla ribattuta Mazzarani si avventa come un avvoltoio sul pallone e viene messo giù da Riccardi: calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Lodi, tiro centrale e palla che finisce in rete. Catania in vantaggio. I padroni di casa faticano a reagire, solo al 40' Caturano gira di testa un pallone debole e centrale. Termina la prima frazione, squadre negli spogliatoi sul risultato di 0-1. 

Nella ripresa Liverani cambia subito due pedine: fuori Costa Ferreira e Torromino, dentro Tsonev e Di Piazza. Al 17' Cosenza stacca in area, ma Pisseri blocca senza problemi. Intanto, proprio tra Cosenza e l'ex Curiale si accende un battibecco, l'arbitro ammonisce entrambi. Al minuto 22 Curiale entra in area, finta il tiro, lo prova e con il destro sfiora di un soffio il palo alla destra di Perucchini. Al 23', però, arriva il pareggio del Lecce, la firma è proprio di Di Piazza: il Catania è scoperto, Mancosu verticalizza per l'attaccante palermitano che prima lascia sul posto Tedeschi e poi batte Pisseri siglando l'1-1. La gioia dei 16.838 spettatori presenti può esplodere. Di Piazza ci prende gusto e tenta il sinistro a giro da fuori, pallone sul fondo. Lucarelli, oggi in tribuna perché squalificato, richiama in panchina Curiale e Di Grazia inserendo Ripa e Semenzato. La gara scorre verso la conclusione, i ritmi ora sono blandi e ambo le squadre hanno paura di sbilanciarsi. Non c'è più tempo, dopo 4 minuti di recupero finisce 1-1. Lecce e Catania si dividono la posta in palio e le distanze in vetta restano invariate: i salentini comandano sempre a quota 46, i siciliani inseguono con 42 punti.

Lecce-Catania 1-1

Lecce: Perucchini, Riccardi, Di Matteo, Mancosu, Cosenza, Arrigoni (49 st Marino), Torromino (13 st Di Piazza), Costa Ferreira (13 st Tsonev), Lepore, Caturano (31 st Dubickas), Armellino. A disp: Chironi, Vicino, Valeri, Megelaitis, Ciancio, Gambardella, Persano, Legittimo. Allenatore: Liverani

Catania: Pisseri, Aya, Tedeschi, Caccetta, Lodi, Curiale (36 st Ripa), Marchese, Di Grazia (36 st Semenzato), Caccavallo (24 st Russotto), Bogdan, Mazzarani (24 st Rizzo). A disp: Martinez, Blondett, Bucolo, Fornito, Manneh, Esposito, Lovric. Allenatore: Vanigli (Lucarelli squalificato)

Marcatori: 18 pt Lodi su rig, 21 st Di Piazza

Arbitro: Lorenzo Maggioni di Lecco

Ammoniti: 16 pt Aya, 16 st Pisseri, 19 st Cosenza, 19 st Curiale, 23 st Di Piazza

Classifica: Lecce 46; Catania 42; Trapani 37; Rende 34; Matera, Siracusa 32; Francavilla 30; Cosenza, Monopoli 29; Juve Stabia 28; Bisceglie 27; Catanzaro 24; Sicula Leonzio, Fondi 22; Casertana, Reggina 21; Andria 18; Paganese 16; Akragas 10.

Luigi D'Ambrosio

I più Letti

Facebook

Real Time Web Analytics